La posa del parquet in cucina.

parquet in cucina.JPG

E’ fattibile tenendo conto che:

  1. In cucina il problema non è tanto la caduta di liquidi o sporco ma la caduta di oggetti che graffiano e segnano la superficie in modo molto molto maggiore che in altri ambienti, per questo si può scegliere di mettere o un parquet verniciato (e tenerlo coperto quando si cucina con un tappeto) oppure scegliere un parquet oliato e stare un po’ più tranquilli perché i graffi si nascondono o si ripristinano abbastanza facilmente, è da tener presente però che il parquet oliato va tenuto oliato (in cucina almeno ogni 7/8 mesi) altrimenti diventa poroso e assorbe, esistono anche degli oli che si diluiscono (ne basta un tappino) nell’acqua di lavaggio così da tenere il parquet oliato sempre perfetto; meglio sarebbe in cucina un oliato “naturale” e non un oliato “sbiancato” dove lo sporco si vede molto di più.